Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Piccoli consigli per risparmiare nella gestione della piscina

La piscina è un investimento che nel tempo richiede manutenzione costante e spese accessorie continue, due aspetti fondamentali dei quali non si può fare a meno; ma per quanto strano possa sembrare la piscina non è l’elemento dell’abitazione che consuma più quantità di acqua.
 
Ogni giorno infatti, si buttano via circa 32 litri di acqua (quindi 960 lt/mese) semplicemente per lavarsi i denti; ogni volta che si scarica il WC se ne vanno dai 5 ai 7 litri di acqua potabile (quando si utilizza lo sciacquone per lavare via un fazzolettino o i capelli rimasti incastrati nella spazzola, si spreca acqua!).
 
Poi c’è la doccia da considerare, cinque minuti al giorno consumano ben 75-80 litri, mentre se si preferisce fare un bagno, il consumo arriva a 150 litri; cucinare e lavare i piatti inoltre, fa aumentare il consumo quotidiano di altri 40-50 litri d’acqua.

Il riempimento di una piscina consuma solo lo 0,5% dell’acqua di un’abitazione, molto poco rispetto a quello che si può pensare ma questo non significa che non si possa intervenire in piscina per avvicinare questo consumo allo zero.
Image
 
Per fare questo è necessario adottare alcuni piccoli accorgimenti.
 
Prima di ogni cosa, l’ideale sarebbe dotare la piscina di una copertura. Una copertura per piscina svolge molteplici funzioni: protegge l’acqua da sporco e impurità oltre a rendere la piscina più sicura evitando cadute accidentali.
Ma non solo, coprire la piscina consente di contrastare l’evaporazione dell’acqua, con evidenti benefici in termini di risparmio idrico ma anche di consumi legati all’impianto di filtrazione e a quello di riscaldamento.
 
A proposito dell’impianto di riscaldamento, un sistema per risparmiare sull’energia e mantenere calda l’acqua della piscina, è dato dai pannelli solari.
 
I pannelli solari rappresentano una pratica soluzione per la produzione di energia elettrica o per il riscaldamento dell’acqua; inoltre grazie alle detrazioni previste per questi strumenti si potrà recuperare ogni anno una parte dell’investimento; oppure con un impianto solare termico (cioè in grado di scaldare l’acqua) gli incentivi aumentano circa del 65%.
Un altro piccolo vantaggio riguarda l’aliquota IVA, al 10% e non al 22%, per gli interventi legati all’efficientamento energetico degli impianti come appunto l’installazione di pannelli solari (precisiamo che il bonus riguarda solo le abitazioni private e i condomini).
 
Un altro suggerimento che possiamo darti per ottimizzare i costi relativi alla tua piscina, sta nel recupero dell’acqua piovana. Fai attenzione, è solo un suggerimento in quanto non siamo ancora in grado di fornirti tutto quello che potrebbe occorrere per metterlo in pratica, però si sta lavorando in questa direzione.

Il primo passo è anche abbastanza semplice, basta dotare il giardino di una cisterna per il recupero dell’acqua raccolta dal tetto e convogliarla al suo interno tramite grondaie e tubi (questa opportunamente purificata potrà essere immessa in circolo per alimentare la piscina).
Se decidi di iniziare a pensare a questa soluzione, un consiglio che ti diamo è quello di installare una cisterna più grande possibile (se la tua piscina contiene circa 20.000 litri di acqua sarà necessaria almeno una cisterna da 2.500; per una piscina da 40.000 litri servirà una tanica da 4.000; mentre per le piscine più grandi, da 60.000 litri in poi, sarà indispensabile una da 5.000).
 
Chiudiamo il nostro articolo sul risparmio in piscina con una serie di piccolissimi consigli che ti permetteranno di risparmiare ulteriormente nella gestione ordinaria della tua piscina:
  • Non sovrariempire mai la piscina, l’acqua in eccesso andrebbe sprecata al primo tuffo;
  • Mantieni sempre bilanciata l’acqua a livello chimico, in questo modo eviterai anche di scaricare acqua inquinata (ormai tutto questo è un servizio automatizzato, non si fa più a mano. Hai già installato le centraline per il controllo dei valori di ph e cloro?)
  • Controlla periodicamente lo stato dei tubi prevenendo in questo modo possibili perdite d’acqua;
  • Evita di far entrare in piscina i tuoi animali domestici, questo manterrà l’acqua più pulita e non costringerà l’impianto di filtrazione a lavori straordinari
  • Non fare il bagno subito dopo esserti spalmato la crema abbronzante, i solari interagiscono con le sostanze chimiche presenti in acqua (prima di un tuffo è sempre consigliabile una doccia rapida)
  • Scegli un materiale filtrante innovativo (conosci il vetro o il Fibalon?), questo ti aiuterà a ridurre anche il consumo di prodotti chimici. Oltre a fare una scelta eco-friendly, diminuirai anche le operazioni di manutenzione dell’impianto.
 
Hai bisogno di altre informazioni? Contattaci al numero 0971-479808 oppure inviaci una mail a questo indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
 
Saremo felici di aiutarti a migliorare la gestione della tua piscina.

© 2019 Isobit s.r.l. - Uffici e Deposito: Via Macchia San Luca, 68/E - 85100 Potenza, Basilicata - Tel. 0971-479808/470530 (uffici) | P. IVA 00966290769 - Privacy e note legali